Ne le dis à personne

ne-le-dis-a-personne-2006-12-g1

Ditelo a tutti. Sarebbe inutile chiedersi le ragioni per cui la distribuzione italiana abbia deciso di lasciare in un cantuccio un film come Ne le dis à personne. Voi, però, non lasciatevi scoraggiare, guardatelo e poi parlatene con tutti. Dategli l’attenzione che merita, perché il giovane Guillaume Canet è riuscito, alla sua seconda esperienza dietro la macchina da presa, a girare con perizia ed eleganza un film che vi terrà incollati allo schermo dall’inizio alla fine.

Dal soggetto originale dell’americano Harlan Coben (Tell No One, romanzo del 2001 con ambientazione newyorkese e non francese), Canet tira fuori un thriller con chiazze noir assolutamente di prima classe, ottenendo la nomination a ben nove premi César, di cui quattro portati a casa con merito dal cast (miglior regista, attore, montaggio, musica), e l’apprezzamento unanime di critica e pubblico, che rende ancora più assurda la scelta di non distribuirlo qui in Italia.

Ne le dis à personne

Alexandre Beck (François Cluzet) e Margot Laurentin (Marie Croze), che condividono un amore talmente puro che nasce dalla loro infanzia, si recano come ogni anno al lago Chairmain per celebrare il loro anniversario, aggiungendo una tacca al disegno, inciso in tenera età nella corteccia di un albero, di un cuore con le loro iniziali. Otto anni dopo, un Alexandre vedovo conduce la sua vita da pediatra portandosi dentro la ferita mai rimarginata della morte della moglie, una ferita che per Beck diventa un enorme squarcio da riempire con la verità, o forse con molto di più.

Arricchito da una colonna sonora che accompagna in maniera eccellente i silenzi colmi di tensione o adrenalina – notevole la sequenza della fuga del protagonista, probabilmente una delle migliori della storia del cinema recente – e dalla chitarra elettrica di Mathieu Chedid registrata improvvisando durante la sua prima visione della pellicola, Ne le dis à personne racconta di omicidi, amore, verità e giustizia. E lo fa maledettamente bene. Ditelo a tutti.

Regista: Guillaume Canet
Sceneggiatore: Harlan Coben, Guillaume Canet, Philippe Lefebvre
Produttore: Alain Attal, Luc Besson, Pierre-Ange Le Pogam, Mehdi Sayah
Attori: François Cluzet, Marie-Josée Croze, Kristin Scott Thomas
Provenienza: Francia
Versione: originale

Questa recensione è tratta da Players 00. Scarica gratuitamente il PDF per leggere gli altri articoli dedicati al cinema!



Players è un progetto gratuito. Se ti piace quello che facciamo, puoi supportarci (o offrirci una birra) comprando musica, giochi, libri e film tramite i link Amazon che trovi negli articoli, senza nessun costo aggiuntivo, oppure facendo una donazione libera con PayPal dalla colonna di destra. Grazie!
Latest Posts By
  • Black Mirror: Lo specchio nero
  • Ne le dis à personne