Al Cine col Fulge, Volume 2

skyline

Weekend del 14 gennaio

Uscite piuttosto variegate questa settimana, un po' per tutti i gusti.

Il film della settimana, che vince a mani basse il “Fulgenzio choice award” è sine ulla dubitatione Kill Me Please, vincitore del Marc'Aurelio come miglior Film al Festival di Roma 2010 e dimostrazione che nonostante la sua palese inutilità, quel Festival può ancora avere diritto di esistere. Il film è un gustoso e feroce apologo della morte/eutanasia/suicidio, una commedia bianca, nera e intelligente, proprio come quelle che in Italia non si fanno più da anni. Nel film il Dr. Kruger, ansioso di dare un “senso” al suicidio, decide di aprire una clinica pensata per “favorire” questa pratica. L'istituto viene ben presto popolato da personaggi assurdi che però, nonostante le buone intenzioni, sono costretti a vedersela con decessi…non pilotati. Davvero irrestistibile e assolutamente da vedere.

Kill Me Please

A seguire diamo conto di tre porcate di maestosa entità ovvero Vi presento i nostri, L'Orso Yoghi e Skyline. Del primo c'è poco da dire, la stessa formula che andava bene per il primo film (in certi momenti esilarante) non va bene per il terzo dove tutti, da Stiller a DeNiro, stan lì per i quattrini e dimostrano un'indolenza talmente pronunciata che nemmeno l'inserimento della new entry Jessica Alba (tanto bella quanto inetta) riesce a smuovere.

Vi presento i nostri

Quanto all'Orso Yoghi: pigliate Alvin o Garfield, sostituitelo con l'orso e avete il film. In America evidentemente Yoghi non è molto celebre (o la gente si è rotta i coglioni di queste trasposizioni, altra ottima ragione), visto che è stato un mezzo flop, tuttavia anche dalla peggiore porcata si può tirare fuori qualcosa di buono e questo qualcosa è il geniale corto “amatoriale” intitolato The Assassination of Yogi Bear by the Coward Boo-Boo che potete trovare qui: http://www.youtube.com/watch?v=m6w0r-ScEG4. Coi Puffi (cazzo NO, ci sono anche loro…) vedremo finalmente Puffetta impalata? Incrociamo le dita.

L'Orso Yoghi

Quanto a Skyline: tutto “chiacchiere e distintivo” ovvero ottimi effetti speciali ma tutto il resto è da dimenticare. Dialoghi idioti, personaggi bidimensionali, creati con l'accetta e tratteggiati con la grazia di un cetaceo spiaggiato, attori pessimi. Il finale setta nuovi standard quanto ad ironia involontaria, quindi la visione cinematografica è altamente sconsigliata. Visto il genere, al massimo vale un noleggio. Davvero una grossa delusione perchè l'idea era buona ma è stata gestita come peggio non si potrebbe.

Skyline

Chiude l'elenco La versione di Barney: non avendo letto il libro (purtroppo) faccio fatica a stabilire quanto e se sia effettivamente fedele all'originale. Per un approfondimento vi rimando al prossimo numero di Players (lo 02) dove sarà presente un'accurata analisi del rapporto tra versione cartacea e cinematografica. Per quanto mi riguarda sottolineo l'ennesima, titanica prova di Paul Giamatti.

La versione di Barney

Ah, dovrebbe uscire anche Un giorno della vita per la regia di Giuseppe Papasso: purtroppo il vostro amatissimo non ha avuto modo di vederlo. Qualora fosse un capolavoro, qualcuno ci avverta. 



Players è un progetto gratuito. Se ti piace quello che facciamo, puoi supportarci (o offrirci una birra) comprando musica, giochi, libri e film tramite i link Amazon che trovi negli articoli, senza nessun costo aggiuntivo, oppure facendo una donazione libera con PayPal dalla colonna di destra. Grazie!
Latest Posts By
  • kobrakai

    Skyline l’ho visto (purtroppo) qualche giorno fa. Veramente pessimo, è una versione brutta di Indipendence Day, giusto per far capire lo schifo. Quoto il giudizio di Fulgenzio e ribadisco la sceneggiatura disastrosa. Non solo i dialoghi sono pessimi, ma il film non si capisce mai dove voglia andare a parare, considerato che per metà del film i protagonisti continuano a entrare e uscire dall’albergo senza apparente motivo.

  • Madmouse

    Ma dopo Vi presento i nostri..è ipotizzabile il sequel..magari Vi presento i loro?:-)