audioPLAYER(S) Vol. 7

audioplayers 7 tn

L’annata musicale è iniziata con il botto: il ritorno degli Alcest sarà graditissimo a tutti quei metallari che sotto sotto sono dei dolci romanticoni e il nuovo (e gratuito) disco degli italianissimi Fine Before You Came aggiunge un importante tassello a quel genere di musica triste che dovrebbe obbligatoriamente far parte del bagaglio culturale di noi giovani disadattati degli anni zero.
E per non dimenticarci dell’immediato passato, direttamente dal 2011, arrivano i Radio Moscow e i Cannibal Movie, i primi che nemmeno diresti che arrivano dal 2011 ma direttamente dagli anni ’70 e i secondi che ci portano una buona dose di inquietudine e psichedelia oscura a base di cannibali e foreste tropicali.

In questo numero:

Radio Moscow, The Great Escape of Leslie Magnafuzz:
“Giunti al terzo album sfornano quello che a mio parere è uno dei dischi più convincenti non solo della loro discografia ma anche del rock vintage tutto.”

Fine Become You Came, Oramai:
“…Ormai dimostra la piena confidenza acquisita dalla band nel muoversi in territori post-rock, solitamente riservati alle storiche formazioni d’oltreoceano…”

Alcest, Les Voyages de l’Âme:
“Les Voyages de l’Âme (“i viaggi dell’anima”, per i lettori meno francofoni), che si colloca in un ipotetico, naturale crocevia tra i due lavori precedenti…”

Cannibal Movie, Avorio:
“Il disco é ipnotico e morboso: una psichedelia scura e un jazz opprimente che si mettono al servizio di una colonna sonora di un film mai girato…”

Vi ricordo che potete seguirci su Mixcloud dal nostro profilo http://www.mixcloud.com/PlayersMagazine/ per rimanere sempre aggiornati sulle uscite di audioPLAYER(S) e che la cover è sempre ad opera di Darkalia.



Players è un progetto gratuito. Se ti piace quello che facciamo, puoi supportarci (o offrirci una birra) comprando musica, giochi, libri e film tramite i link Amazon che trovi negli articoli, senza nessun costo aggiuntivo, oppure facendo una donazione libera con PayPal dalla colonna di destra. Grazie!

Ascolta più musica di quanto sia più umanamente possibile ricordare e fra un disco e l'altro trova pure il tempo di coltivare altri hobby come la lettura, il cinema e i videogiochi. http://rateyourmusic.com/~Zel