James Blake: Suono Eroso

jamesblakejamesblake

Definire la musica di James Blake è impresa improba. Immaginatevi una voce a metà fra Anthony Hegarty degli Anthony & The Johnsons e Thom Yorke dei Radiohead. State immaginando? Ecco, appiccicatela in faccia a un ragazzino londinese ventiduenne con una passione per il postmodernismo e i vocoder.

Quello che vi ritroverete fra le mani è un disco (omonimo) in cui l’impostazione dubstep, ovvero con ritmi sincopati diversi dal classico 4/4, si mischia a sample che si erodono nel tempo, vibrazioni che riempiono l’orecchio e una voce registrata al doppio del volume normale affinché le imperfezioni ne escano rafforzate.

james_blake-587x350

Viene naturale pensare che James Blake sia un disco pressoché impenetrabile. In realtà, è solamente un disco inquietante e spiazzante, che spesso si inoltra in territori sostanzialmente vergini in cui suoni stranissimi vengono accostati in maniera imprevedibile ma perfetta. Vi sarà forse capitato di sentire il singolo Limit To Your Love (molto orecchiabile nonostante echi, silenzi e bassi gutturali da musica grime), che ha fatto anche il giro anche delle radio nostrane (si tratta in realtà di una cover dei Feist). Il resto delle tracce pulsa, se possibile ancora di più, di sample spezzati, voci che si riavvolgono e sovrappongono, pianoforti piegati e distorti che accompagnano una voce perennemente stravolta che si fa strumento lei stessa.

Tutto il disco dà però un senso di completezza, e in questo senso forse la definizione “postmoderno” data in apertura non si mostra del tutto adeguata. Se è vero che da un lato le undici tracce sembrano prima fatte a pezzi e poi meticolosamente riassemblate, dall’altro si ha quasi la sensazione che lo stesso pezzo sia stato registrato in dieci versioni poi sovrapposte per ottenere l’incredibile risultato finale.

Resta da vedere come tale impianto sonoro possa essere riproposto in sede live, ma da uno che senza nemmeno un pelo di barba se ne esce con canzoni del genere, è lecito aspettarsi ben più di un miracolo.

Artista: James Blake
Disco: James Blake
Etichetta: http://jamesblakemusic.com/
Selezionati per voi: To Care (Like You), I Mind, The Wilhelm Scream

Segnaliamo che di James Blake è uscito anche il recente Enough Thunder, che vede anche la partecipazione di Bon Iver.

Questa recensione è tratta da Players 08, che potete scaricare gratuitamente dal nostro Archivio.



Players è un progetto gratuito. Se ti piace quello che facciamo, puoi supportarci (o offrirci una birra) comprando musica, giochi, libri e film tramite i link Amazon che trovi negli articoli, senza nessun costo aggiuntivo, oppure facendo una donazione libera con PayPal dalla colonna di destra. Grazie!
Latest Posts By
  • Lunatik Playlist Vol. 08
  • Lunatik Playlist Vol. 07
  • Daylight – Disco labirinto