Allora, Kurt Cobain: Montage of Heck l’abbiamo recensito la scorsa settimana e abbiam pensato che fosse cosa buona & giusta approfittarne per stilare un elenco di altri documentari musicali “da vedere”? Ecco quindi un elenco di dieci titoli imperdibili.

20 Feet From Stardom: Oscar come migliore documentario nel 2014, racconta la vita dei coristi che lavorano con i più grandi “big” dell’industria musicale.

Heima: documentario sul tour in Islanda dei Sigur Rós svoltosi nell’estate del 2006. Location suggestive, unite alle tipiche sonorità del gruppo.

George Harrison – Living In The Material World: Diretto da Martin Scorsese, fa luce sulla vita George Harrison, non solo quella legata alla carriera nei Beatles.

Searching for Sugar Man: Oscar come migliore documentario nel 2013, il film racconta l’incredibile vita del cantautore statunitense Sixto Rodriguez.

20,000 Days on Earth: La giornata “tipo” di Nick Cave, che al tempo delle riprese aveva trascorso 20000 giorni sul nostro pianeta…

Anvil! The story of Anvil: La storia di un gruppo di amici che vogliono fare musica, arrivano ad un passo dal successo e trascorrono la loro vita a suonare, nei posti più improbabili.

No Direction Home – Bob Dylan: Diretto da Martin Scorsese, racconta il delicato passaggio della star da fol singer a star del rock.

Shut Up And Play The Hits: 48 ore assieme a James Murphy, frontman degli LCD Soundsystem, prima, durante e dopo un memorabile concerto presso il Madison Square Garden.

Filth & the Fury: Il ‘rockumentary’ del regista londinese Julien Temple sulla vera storia dei Sex Pistols.

Joe Strummer: The Future Is Unwritten: Film che rpercorre le tappe dello straordinario successo di Strummer, scomparso prematuramente a 50 anni, nel 2002 e dei Clash.



Players è un progetto gratuito.

Se ti piace quello che facciamo, puoi supportarci (o offrirci una birra) comprando musica, giochi, libri e film tramite i link Amazon che trovi negli articoli, senza nessun costo aggiuntivo.

Grazie!
, ,
Andrea Chirichelli

Classe '73. Giornalista da tre anni, ha offerto il suo talento a riviste quali Wired, Metro, Capital, Traveller, Jack, Colonne Sonore, Game Republic e a decine di siti che ovviamente lo hanno evitato con anguillesca agilità. Ha in forte antipatia i fancazzisti, i politici, i medici, i giornalisti e soprattutto quelli che gli chiedono foto.

Similar Posts
Latest Posts from Players
  • Bella classifica ma secondo me non può mancare “Walk the Line”, il film biografico su Johnny Cash. Bellissimo.

    • Fulgenzio

      Ottimo film infatti, ma l’elenco è appunto circoscritto solo ai documentari (in cui gli artisti di cui si parla non sono impersonati da attori ma “sono loro”).