I giorni più lunghi del secolo breve

Credo che quasi tutti i lettori di Players abbiano sentito parlare di Eric Hobsbawn e delle sue opere storiche. Tra queste la più nota, nonché la più discussa, è Il Secolo Breve. Il saggio, pubblicato per la prima volta nel 1994 (la prima edizione italiana fu invece edita da Rizzoli), si pone l’ambizioso obiettivo di delineare le linee di forza e i sistemi di relazione che hanno caratterizzato il XX secolo.

In particolare l’opera si concentra e cerca di dare una lettura collettiva che, a partire dalla nascita, sviluppo ed effetti dell’Unione Sovietica, presenta l’assunto secondo cui «Il Secolo Breve è stato un’epoca di guerre religiose, anche se le religioni più militanti e assetate di sangue sono state le ideologie laiche affermatesi nell’Ottocento, cioè il socialismo e il nazionalismo, i cui idoli erano astrazioni oppure uomini politici venerati come divinità».

L’allunaggio e Ferdinand-Louis Céline sono, rispettivamente, un capitolo e uno dei personaggi del racconto.

Lo storico britannico racconta la Storia come se fosse ripresa dall’alto e preferisce intervenire con le proprie idee e riflessioni, piuttosto che dedicare degli ‘zoom-in’ verso personaggi e momenti chiavi del divenire storico. Lo scopo è infatti il cogliere e mettere a sistema gli insiemi di elementi che determinano l’accadere e lo sviluppo degli eventi.

Andrea Coccia decide, ne I giorni più lunghi del secolo breve, di muoversi in maniera completamente diversa dal volume di ispirazione. L’autore milanese si propone invece di avvicinare l’obiettivo della telecamera ai soggetti e a ciò che accade: volti, abitudini, opinioni personali, manie e fissazioni di ogni singolo assurgono a coprotagoniste, accompagnatrici del fatto storico.

È l’incontro tra banale e storico a essere posto al centro ed è stupefacente immaginare come quegli avvenimenti, straordinari e spesso non immaginabili prima del loro accadere, abbiano avuto influenze sull’intera umanità. L’autore si concentra su alcuni momenti chiave, presumibilmente scelti perché ritenuti simbolici, ed è da essi che costruisce delle istantanee. Non sono fotografie reali, poiché alcuni particolari non possono essere accertati in alcun modo. Ma è possibile immaginare che alcuni particolari dei racconti di Andrea possano essersi davvero verificati – come quel ricordo della fanciullezza citato nelle ultime pagine.

Desolation Row o Via della Povertà è un capolavoro sia in italiano che in inglese.

Nelle pagine di Andrea, strano punto di incontro tra Borges, Celine, Benjamin e Debord, sembra risuonare il testo dell’ultima strofa di Desolation Row, splendida ballata di Bob Dylan tradotta in italiano da Fabrizio de André:

«questa gente di cui mi vai parlando / è gente come tutti noi / non mi sembra che siano mostri / non mi sembra che siano eroi».



Players è un progetto gratuito.

Se ti piace quello che facciamo, puoi supportarci (o offrirci una birra) comprando musica, giochi, libri e film tramite i link Amazon che trovi negli articoli, senza nessun costo aggiuntivo.

Grazie!
More from Dario Oropallo

Un polpo alla gola: Carpe diem

Michele Rech (alias ZeroCalcare) è un mistero buffo. Buffo perché è emerso...
Read More