Il titolo è provocatorio, ma con l’arrivo di HBO Max, ci sono oramai tanti, troppi soggetti a contendersi il tempo libero di un numero enorme ma “finito” di persone. Davvero il mercato è capace di sostenere così tanti soggetti che hanno sì alle spalle gruppi multimiliardari, ma che rischiano grosso, vista la corsa agli armamenti degli ultimi mesi? La sensazione è che prima o poi gli appassionati, stanchi di dover passare da un “canale” (a pagamento) all’altro, decidano di rivolgersi all’unico dove si trova tutto e, uhm, a buon prezzo. In ogni caso, vediamo come stan messe le varie pedine in campo.

HBO MAX: L’ultima arrivata, in partenza l’anno prossimo, mette sul piatto un library di serie immensa tra quelle fatte in casa (Game of Thrones, Westworld, Chernobyl, True Detective, True Blood, The Sopranos ,Sex and the City, Six Feet Under, Entourage, Deadwood, The Wire) + tutti i film Ghibli + 11 stagioni del Dottor Who + 700 episodi di serie della BBC (The Office, Top Gear, Luther, etc.) + tutti i 236 episodi di Friends (strapagati a Netflix), The Fresh Prince of Bel Air e Pretty Little Liars, tutta la produzione superoistica CW (Supergirl, The Flash, Arrow, Black Lightning, Batwoman) e serie nuove quali Gremlins (animata), Grease: Rydell High (spinoff del musical), Dune: The Sisterhood, il reboot di Gossip Girl e molta altra roba, tra cui i nuovi episodi di Sesame Street, molto popolare negli USA. Ah, hanno comprato in esclusiva tutto The Big Bang Theory, per chi se lo volesse rivedere.

DISNEY+: Disney + Pixar + Lucas + Marvel + National Geographic + etc.etc. Il trailer di lancio dura 3 ore, vedete voi. Ah, e non scordate che hanno in mano anche Hulu e ESPN.

APPLE TV+: Apple TV+ sarà disponibile il 1° novembre in oltre 100 Paesi, Italia compresa. Al lancio ci saranno See, con Jason Momoa e Alfre Woodard ambientata seicento anni avanti nel futuro; The Morning Show, interpretata da Reese Witherspoon e Jennifer Aniston; Dickinson, biopic sulla scrittice; For All Mankind, la nuova serie creata da Ronald D. Moore che racconta che cosa sarebbe successo se la corsa allo spazio fosse stata appannaggio dei russi e Snoopy nello spazio, oltre ad altre produzioni minori. In futuro sono previsti un nuovo Band of Brothers e una nuova produzione di M. Night Shyamalan, senza contare l’accordo da mezzo miliardo con J.J. Abrams.

Amazon Prime Video: Amazon ha coperto di soldi Phoebe Waller-Bridge, ideatrice della pluripremiata Fleabag, per sviluppare nuovi prodotti nei prossimi anni. Nel breve periodo ci sono la serie Modern Love, i film The Report con Adam Driver e Brittany Runs a Marathon, l’ultima stagione di The Man in the High Castle e la seconda di Tom Clancy’s Jack Ryan. In futuro ci saranno i sequel di The Boys e Carnival Row.

Netflix: Ha fatto Dark, basta e avanza per i secoli dei secoli. Ok, a parte questo, oltre alle nuove stagioni delle serie storiche, Stranger Things in primis, si è comprata Seinfeld, che verrà riproposta dal 2021 e a breve arriverà The Witcher. Tanti film in arrivo a breve, a cominciare dagli attesissimi The Irishman, The Two Popes​ e Marriage Story. Certo, a compensare gli entusiasmi, c’è da segnalare il recente accordo stretto con Mediaset (lol) per la produzione di prevedibilmente merdose serie e film italiani. Ma a sta gente gli l’hanno spiegato che l’Italia è diventato un paese primitivo proprio a causa di Mediaset e della sua robaccia? Mah…

Peacock: E questa? E’ di NBC ed esordirà nell’aprile 2020 con 15mila ore di contenuti. Per ora la news più importante è un nuovo Battlstar Galactica, più i nuovi show di Mike Schur (The Good Place, Parks and Recreation) e Sam Esmail (Mr. Robot).



Players è un progetto gratuito.

Se ti piace quello che facciamo, puoi supportarci (o offrirci una birra) comprando musica, giochi, libri e film tramite i link Amazon che trovi negli articoli, senza nessun costo aggiuntivo.

Grazie!
, , , , , , ,
Andrea Chirichelli

Classe '73. Giornalista da tre anni, ha offerto il suo talento a riviste quali Wired, Metro, Capital, Traveller, Jack, Colonne Sonore, Game Republic e a decine di siti che ovviamente lo hanno evitato con anguillesca agilità. Ha in forte antipatia i fancazzisti, i politici, i medici, i giornalisti e soprattutto quelli che gli chiedono foto.

Similar Posts
Latest Posts from Players